Una vacanza a Zanzibar

Arrivando per la prima volta a Zanzibar si ha la netta sensazione di immergersi in un paesaggio incontaminato e fatato.

L’isola, che amministrativamente fa parte della Tanzania, è stata nel corso dei secoli il crocevia di diverse culture che, grazie ai fiorenti commerci che si svolgevano sul suo territorio, ne hanno determinato gli influssi arabi, indiani e cinesi.

Il clima è spiccatamente tropicale e favorisce il proliferare di una flora e di una fauna ricchissime di specie esotiche, per fortuna in gran parte protette dalle normative internazionali.

Il viaggio può iniziare da Stone Town, la capitale, caotica ma affascinante, ricca di preziose testimonianze del passato, come le innumerevoli moschee ed i palazzi abitati dagli antichi sultani che la governavano. Nelle strette vie del centro caratteristiche bancarelle offrono interessanti oggetti di artigianato e pietanze speziate.

zanzibar

Le spiagge, invece, sono il punto forte per chi vuol godere di un mare ancora incontaminato: tra le più importanti sono da segnalare Nungwi, caratterizzata dai coloratissimi e pescosi fondali antistanti, e, più a nord, Kendwa, dalla sabbia fine bianchissima e quasi accecante.

Per immergersi nella fantasmagorica fauna dell’isola una tappa d’obbligo è la visita della Foresta di Jozani, dove la vegetazione tropicale è maestosa ed accoglie al suo interno un quantitativo impressionante di animali di tutti i tipi.

Tornando sulla costa fra gli innumerevoli minuscoli paesini presenti merita una fermata Paje, la cui popolazione vive ancora immersa in una magica atmosfera antica: i colori, gli odori ed i sapori da assaporare girando fra i suoi mercati rappresentano, per noi occidentale, un’esplosione di forti sensazioni indimenticabili.

Le spezie sono il vero tesoro di Zanzibar: nel villaggio di Kizimbani si trova un’enorme piantagione dove crescono forti e rigogliose varietà di ogni tipo. C’è davvero l’imbarazzo della scelta e si possono acquistare vaniglia, cardamomo, noce moscata, cannella e, naturalmente, lo zenzero, dal gusto particolarmente intenso.

Con questi ingredienti la cucina di Zanzibar non può che essere prelibata: tra i piatti tipici sono da segnalare il pwewa wa nazi, una sorta di polpo al cocco sostanziosamente speziato, lo squalo aromatizzato al pepe, dal gusto sorprendentemente delicato e gustoso, ed il pane alle nocciole tostate.

Non resta quindi che programmare un bel tour di Zanzibar che, col suo fascino, saprà evocare nel turista indimenticabili emozioni.