La scuola e le proposte di conversazione

Il loro lavoro anche, quello degli studiosi, ha dimostrato che la mancanza di abilità e di correlazione tra i vari eventi, non dà la giusta spiegazione corretta per il fallimento degli interventi nella scuola. Riflettendo su queste conversazioni si possono trarre le seguenti differenze tra le interazioni a casa con la madre e nella scuola con l’insegnante. Il rapporto bambino insegnante a volte è intimo e emotivamente vicino; la relazione bullo vittima bambino è segnata da disagio sociale e difensiva dalla parte della vittima, per sapere di più clicca qui. L’educazione del bambino avviene soprattutto a casa dove è fondamentale la conversazione tra genitori e figli. Il dialogo che serve ad instaurare un rapporto positivo, che crea le basi ad una consapevolezza futura quando il bambino sarà l’adulto di domani. La conversazione con la madre a casa esce da una storia condivisa; a scuola le conversazioni sono un momento importante, rivelando la relativamente natura transitoria delle relazioni bambino-insegnante.

silhouette

Gli argomenti di conversazione a casa sono inseriti in una cultura condivisa e esperienze condivise da tutti i facenti parte del nucleo familiare, che possono partire da un argomento semplice fino ad argomenti più articolati ed importanti. Parlare a casa facilita il parlare a scuola. La scuola deve proporre gli argomenti di conversazione, gli insegnanti si occupano di idee teoriche. Gli insegnanti cercano coscienziosamente le notizie, cercando di ricavare principi generalizzate dal concreto che si applicano in tutta altra situazione scolastica. È importante poter affrontare ogni argomento. Queste differenze non possono essere spiegate in termini semplici e concisi. Gli insegnanti faticano anche a mantenere relazioni uno a uno quando vi è la presenza di bambini difficili. Spesso la natura e la profondità di significati condivisi può portare a miglioramenti. Né sono la dimostrazione la ricchezza e la serenità osservate in classe che producono effetti benefici che ne traggono tutta la classe.